In un precedente articolo abbiamo parlato di Dr. VCoach, il personal trainer per l’allenamento degli anziani, oggetto della ricerca che sarà avviata nel settembre di quest’anno, coordinata dall’Università di Cagliari (Employment of Advanced Deep Learning and Human-Robot Interaction for Virtual Coaching).

Simile, ma con diverso target è invece il progetto AI Empowered Hardware for Fitness Applications, realizzato dall’ASP – Alta Scuola Politecnica che coinvolge i Politecnici di Torino e Milano. Il robot umanoide in cui il progetto è integrato si chiama Pepper ed arriva dal Giappone: esistente già dal 2014 ed è stato il primo robot umanoide utilizzato negli aeroporti e nei negozi, in quanto capace di individuare e reagire alle emozioni.

Il team di ricerca ha integrato alcune parti hardware – una telecamera e uno zainetto per supportare la nuova scheda – e sviluppato il software che rende Pepper un personal trainer in grado di assistere chi si allena. Tra le funzionalità ottenute grazie al coinvolgimento di Reply e all’implementazione di algoritmi di Intelligenza Artificiale, si registra la capacità di preparare agli allievi una scheda con gli esercizi adattandosi alle capacità e ai miglioramenti degli stessi, contare le ripetizioni, registrare le sessioni di allenamento, ma anche osservarne l’esecuzione e correggere eventuali errori nella postura.

Ingegneri e designer del Politecnico di Milano e del Politecnico di Torino si sono avvalsi (oltre che del supporto di Reply) anche del coinvolgimento di laureati in scienze motorie e personal trainer. Ma non finisce qui: considerando il periodo attuale, l’emergenza pandemica, la prolungata chiusura delle palestre e il correlato crescente numero di individui che si vedono costretti ad allenarsi tra le mura domestiche, i ricercatori hanno creato la start up Gymnasio, allo scopo di realizzarne una versione low cost.

«La sfida per noi era anche “democratizzare” l’allenamento,
perché non tutti possono permettersi un personal trainer»

Queste le parole di Giuseppe Pastore, CTO di Gymnasio, fra i cinque studenti dell’Alta Scuola Politecnica che ha lavorato al progetto. Gli altri: Daniele Gusmini (CEO), Lapo Peruzzi (Industrial Designer), Andrea Rotella (CMO), Andrea Megaro (CFO).

Questa versione low cost è attualmente un prototipo ma è già pre-ordinabile e sarà disponibile sul mercato per la prossima estate; si configurerà come un piccolo cubo, 10cm x 10cm, accompagnato da un’app scaricabile su smartphone, decisamente più maneggevole ed usufruibile in un ambiente di dimensioni ridotte quali il salotto di casa. Il servizio prevederà il pagamento di un abbonamento.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome